Ripristino estetico nella zona anteriore con faccette in ceramica nella pratica quotidiana

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
DIAPOSITIVA N. 1

Anna si presentava all’attenzione del nostro Team richiedendo se era possibile migliorare il colore e l’estetica della sua dentatura.
Riferiva di non essere fumatrice, conduceva una buona igiene orale e richiedeva espressamente di intervenire esclusivamente solo sugli incisivi superiori.

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
DIAPOSITIVA N. 2

La visione intraorale mostrava delle discromie su diversi elementi dentari, delle terapie conservative sulle superfici vestibolari del gruppo frontale superiore, nonchè una linea degli incisivi irregolare.

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
DIAPOSITIVA N. 3

I modelli studio realizzati in gesso, venivano montati su articolatore mediante cera di occlusione, per analizzare meglio il caso.

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
DIAPOSITIVA N. 4

La visione frontale evidenziava la posizione degli incisivi non in linea con labbro, discromie, e veniva consigliato l’allungamento del gruppo frontale.

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
DIAPOSITIVA N. 5

PIANO DI TRATTAMENTO
Dopo l’analisi di tutti i dati a disposizione, tenendo sempre presente le richieste ed esigenze della paziente, veniva programmato il seguente piano di trattamento:
- Sbiancamento dei denti
- Faccette in ceramica fedspatica stratificata su 11, 12, 21,22
- Placca di protezione (nightgard)
- Mantenimento igienico programmato

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
DIAPOSITIVA N. 6

La paziente dopo aver eseguito sedute di igiene orale professionale, motivata all’igiene domiciliare da un igienista dentale, è stata sottoposta al fine di migliorare il risultato estetico finale a sedute di sbiancamento professionale.

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
DIAPOSITIVA N. 7

Dopo analisi estetica e fonetica, si programmava un moke-up sui modelli con cera, al fine di individuare forme e volumi sugli elementi da trattare. Il moke-up eseguito veniva replicato successivamente in resina acrilica.

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
DIAPOSITIVA N. 8

Il moke-up in resina veniva provato sulla paziente sovrapponendolo sugli elementi dentari
dal professionista prima delle preparazioni degli elementi interessati, valutando sia l’estetica, la funzione e la fonetica.
La paziente accettava positivamente il cambiamento estetico.

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
DIAPOSITIVA N. 9

Le preparazioni degli elementi dentari sono controllate con le mascherine del moke-up precedentemente realizzato.
Successivamente vengono realizzati i provvisori con la tecnica diretta, rifiniti ed installati nel cavo orale della paziente.

DIAPOSITIVA N. 10

Le visioni laterali e frontale della paziente con i provvisori.

DIAPOSITIVA N. 11

I modelli realizzati in gesso di tipo IV vengono rifiniti e sezionati, realizzando poi delle maschere gengivali parziali rimovibili e stabili.

DIAPOSITIVA N. 12

Con muffola della sistematica Giroform, si duplicano i monconi sezionati con silicone di precisione con durezza shore 24.
Conseguentemente inseriti i perni in ceramica, si replicano con massa refrattaria i monconi.

DIAPOSITIVA N. 13

I monconi dopo indurimento sotto pressione, vengono sinterizzati in forno.
Scrupolosamente, si prendono in considerazione le istruzioni della casa produttrice.

DIAPOSITIVA N. 14

Dopo la sinterizzazione e l’dentificazione con matita della linea di finitura delle preparazioni, viene spalmata una lacca connector e cotta in forno, per vetrificare le zone da ceramizzare.

DIAPOSITIVA N. 15

Con una prima cottura di ceramica si cerca di coprire le zone più decolorate, poi stratificando le masse si ultimava il restauro.
Dopo rifinitura, tessitura ed aggiunta di piccole quantità di pigmenti colorati, vengono ultimati i manufatti sul refrattario.

DIAPOSITIVA N. 16

Le faccette pulite e controllate su un modello non sezionato, per la verifica dei punti di contatto.

DIAPOSITIVA N. 17

Le faccette dopo cementazione nel cavo orale della paziente.

DIAPOSITIVA N. 18

Si può notare l’integrazione estetica dopo la cementazione.

DIAPOSITIVA N. 19

Il ripristino estetico accettato dalla paziente con soddisfazione.

Tutte le immagini fotografiche pubblicate all'interno del sito WWW.AIOP.COM, sono di titolarità esclusiva dei relativi autori; ne è pertanto vietata la riproduzione, permanente o temporanea, l'adattamento, la comunicazione al pubblico, la diffusione, la distribuzione al pubblico senza il preventivo ed espresso consenso del titolare dei diritti d'autore sulle medesime immagini fotografiche.